CHE COS’E’ LA POSTA ELETTRONICA CERTFICATA
La Posta Elettronica Certificata consente di attivare un processo di comunicazione che rende il messaggio opponibile a terzi al pari di una raccomandata a.r.  Perché sia possibile parlare di trasmissione tramite PEC occorre entrambe le caselle quella del mittente è quella del destinatario presentino le caratteristiche di una casella PEC.
I servizi di posta certificata si avvalgono di protocolli sicuri che non consentono la possibile manomissione dei messaggi da parte di terzi.

INVIO DI UN MESSAGGIO TRAMITE PEC
Il soggetto che trasmette un messaggio da una casella di posta PEC riceve dal provider di posta certificata una ricevuta di accettazione, nella ricevuta viene riportato il momento della spedizione ed i destinatari della stessa.
Il provider del mittente crea la c.d. “busta di trasporto” ossia un messaggio che contiene il messaggio da trasmettere e i dati di spedizione. La busta di trasporto viene “firmata” dal provider al fine di garantire il provider del destinatario in merito alla integrità del messaggio.
Il messaggio una volta spedito viene inserito nella casella del destinatario e il provider del destinatario invia al provider del mittente la ricevuta di consegna che è un messaggio che attesta: l’avvenuta consegna, la data e l’ora della stessa e il contenuto che è stato consegnato incluso dunque il sostanziale contenuto del messaggio.

COME DOTARSI DI UNA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA   
La casella di posta elettronica certificata è fornita da specifici gestori PEC autorizzati dall’Agid (Agenzia per l’Italia Digitale). L’elenco dei soggetti è pubblico ed è disponibile presso il sito internet dell’Agid a questo indirizzo.
A meno di offerte da parte di enti, quali gli ordini professionali o associazioni di categoria, il servizio PEC è a pagamento ed il costo varia in funzione delle caratteristiche proposte dal gestore, come ad esempio lo spazio di archiviazione disponibile o la durata del contratto.
Per dotarsi di una casella PEC è necessario scegliere il gestore in funzione delle proprie esigenze e delle offerte proposte, quindi procedere all’acquisto.
La procedura di attivazione varia in funzione del gestore scelto, potrebbe richiedere l’esibizione del documento di identità e si conclude con la sottoscrizione di un contratto. Per la maggior parte dei gestori, l’intera procedura può essere eseguita comodamente online utilizzando modalità di pagamento telematico.

SOGGETTI OBBLIGATI ALLA CASELLA PEC
L’art. 16, comma 7 del DL n. 185/2008 (conv. in l. n. 2/2009) prevede che tutti i professionisti iscritti in Albi – Farmacisti inclusi - ed Elenchi istituiti con legge dello Stato comunichino ai rispettivi Ordini o Collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o, in alternativa, un indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell’invio e della ricezione delle comunicazioni e l’integrità del contenuto delle stesse.
Gli Ordini e i Collegi pubblicano in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.
L’art. 6 bis comma 1 ha previsto l’istituzione, presso il Ministero per lo sviluppo economico, di un pubblico elenco denominato “Indice nazionale dei domicili digitali delle imprese e dei professionisti” (INI-PEC).  L’Elenco INI - PEC è costituito da una Sezione Imprese e una Sezione Professionisti.
Gli Ordini – inclusi quelli dei Farmacisti - o i Collegi provvedono all’aggiornamento dei dati da inserire negli Elenchi di INI – PEC.
Tra i soggetti obbligati a dotarsi di una casella di posta elettronica certificata sono incluse le imprese individuali e le società che devono darne comunicazione al Registro delle Imprese.

ALCUNE COSE IMPORTANTI DA SAPERE
È molto importante ricordare che in base a quanto previsto dalla legge (art. 14 dlt n.159/2015), dal 1° giugno 2016, la notifica delle cartelle di pagamento nei confronti dei professionisti iscritti in Albi – dunque anche dei Farmacisti - o Elenchi avviene esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica certificata risultante dall’Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (INI – PEC). Se l’indirizzo PEC del destinatario non risulta valido attivo o se non è stato attivato alcun indirizzo o se la casella risulta satura l’Agente della riscossione esegue la notifica mediante il deposito della cartella di pagamento presso gli uffici della Camera di Commercio competente per territorio, di questo deposito l’Agente dà notizia al destinatario recapitandogli un avviso tramite raccomandata con avviso di ricevimento. Si tratta quindi di un aspetto da non trascurare perché l’Ente in diversi casi riscuote la contribuzione obbligatoria ricorrendo alla cartella di pagamento.
Si aggiunga che dal 2019 l’Ente ha avviato un processo di dematerializzazione documentale che mira ad eliminare l’utilizzo della documentazione cartacea per sostituirla progressivamente con il documento digitale, per raggiungere questo risultato si farà sempre più frequentemente ricorso alla posta elettronica certificata ritenuta idoneo per una più efficace e tempestiva comunicazione con gli iscritti. Nel 2019 ad esempio il bollettino di conguaglio del contributo obbligatorio agli iscritti degli Ordini di Roma e Milano è stato notificato all’indirizzo di posta elettronica certificata, l’operazione ha dato un buon risultato e nel 2020 sarà estesa a tutti gli iscritti, continuerà, invece, ad essere recapitata per posta ordinaria la prima emissione dei bollettini quella ripartita su tre rate (o su una se viene riscosso il contributo di solidarietà). Tutta la procedura relativa alla contribuzione dello 0,5% dovuta dalle società che gestiscono una farmacia privata e che sono caratterizzate dalla presenza maggioritaria di soggetti non farmacisti è veicolata tramite la posta elettronica certificata di cui le imprese, gestite in forma societaria sono obbligate a dotarsi.
Il livello di copertura degli iscritti all’Ente pur essendo soddisfacente non è integrale infatti in base agli accertamenti effettuati presso INI PEC risultano, allo stato, privi dell’indirizzo di posta elettronica certificata oltre dodicimila iscritti.
Per questo motivo è indispensabile che tutti coloro che ne sono privi si dotino di un indirizzo PEC.

Informazioni utili sono reperibili sul sito www.inipec.gov.it e sul sito www.agid.gov.it

 

Stampa

Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni da ENPAF. Inserisci la tua e-mail:

Restituzione 0,15%

zero15

Servizio per le procedure di restituzione
Telefono
06.54711

ENPAF Informazione

      Archivio Enpaf
      Informazione                                                                                                                 Fotolia 64149036 Subscription XXL                                  

 

Servizio Patrimonio

patrimonio home

Fax
06.5917732
Tecnico
06.5471321
Amministrativo
06.5471360

Domande Frequenti

faq

In questa area potrete trovare le risposte alle domande più frequenti rivolte ad Enpaf.

Il sito web www.enpaf.it utilizza cookie per migliorare la vostra esperienza quando lo si utilizza. Continuando la navigazione si accetta la Policy sui cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site

EU Cookie Directive Plugin Information