COMUNICAZIONE
Piante officinali

TESTO UNICO IN MATERIA DI PIANTE OFFICINALI. CHIARIMENTI

Il nuovo Testo Unico in materia di piante officinali (D.Lgs. 75/2018) ha abrogato la precedente disposizione che riservava ai farmacisti la vendita al minuto delle piante officinali inserite in apposita Tabella.
L’attuale disciplina riserva, invece, ai farmacisti iscritti all’Albo “le preparazioni estemporanee ad uso alimentare, conformi alla legislazione alimentare, che sono destinate al singolo cliente, vendute sfuse e non preconfezionate e costituite da piante tal quali, da sole o in miscela, estratti secchi o liquidi di piante” (art. 1 D.Lgs. 75/2018).
Tale attività, pertanto, è qualificabile come professionale, sia ai fini pensionistici, sia ai fini delle riduzioni contributive in presenza degli altri requisiti.
L’attività descritta nell’art. 1 menzionato, può essere svolta dai titolari delle erboristerie e dai collaboratori che operano nell’ambito delle stesse e presenta un contenuto più ampio di quella precedentemente considerata professionale.
Quindi, contrariamente a quanto precedentemente comunicato nella Newsletter di ottobre 2018, l’attività dei titolari e collaboratori operanti nell’ambito delle erboristerie deve essere considerata professionale, sempreché in tali esercizi i farmacisti iscritti svolgano le attività di preparazione sopra descritte e non si limitino, ad esempio, a vendere esclusivamente prodotti preconfezionati.

Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni da ENPAF. Inserisci la tua e-mail:

Il sito web www.enpaf.it utilizza cookie per migliorare la vostra esperienza quando lo si utilizza. Continuando la navigazione si accetta la Policy sui cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our Privacy Policy.

I accept cookies from this site

EU Cookie Directive Plugin Information