COVID-19

INIZIATIVA SOSPESA DAL 1° AGOSTO 2021

Con delibera n. 29 del 20 luglio 2021, il Consiglio di amministrazione dell’Enpaf ha temporaneamente sospeso dal 1° agosto 2021 le misure straordinarie di assistenza a sostegno della categoria per l’emergenza sanitaria da COVID-19.

Il Consiglio di amministrazione ha contestualmente deliberato l’incremento dello stanziamento dei fondi destinati all’iniziativa per le domande presentate fino al 31 agosto 2021.

Disciplina attuativa per l’erogazione del contributo una tantum per l’emergenza covid-19

26 luglio 2021

Con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 66 del 22 dicembre 2020 sono state approvate le modifiche alle misure di sostegno alla categoria per l’emergenza covid-19

Considerato che gli effetti della pandemia si protrarranno prevedibilmente per tutto il 2021 determinando un impatto finanziario significativo sulla Sezione Assistenza, le modifiche si sono rese necessarie per garantire l’attuazione, nel corso dello stesso anno, delle altre iniziative assistenziali previste e ugualmente rilevanti per le finalità istituzionali dell’Ente.

In particolare, le modifiche riguardano:

  • Contributo per il decesso del farmacista vittima del Covid-19:
    1. Se l’evento si è verificato entro il 31.12.2020, il contributo pari a 11.000,00 euro è erogato dall’Enpaf;
    2. Se l’evento si verifica a decorrere dal 1° gennaio 2021, si applica la copertura temporanea causa morte, pari a 11.500,00 euro, garantita esclusivamente da EMAPI, al quale deve essere presentata la relativa domanda in base ai termini di decadenza previsti da tale Fondo Sanitario (clicca qui per la convenzione causa morte EMAPI)
    3. In deroga a quanto previsto al punto b), in caso di decesso da covid-19, verificatosi a decorrere dal 1° gennaio 2021, del farmacista iscritto all’Enpaf, ancorché titolare di pensione, che alla data del 1° gennaio 2021, abbia compiuto 75 anni spetta un contributo, pari a 11.500,00 euro, che verrà corrisposto dall’Ente, su domanda.

 

  • Ricovero del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, presso una struttura ospedaliera a seguito di positività al covid-19: il contributo è pari a 200,00 euro per ogni giorno di ricovero, fino ad un massimo di 6.000,00 euro.
  • Isolamento obbligatorio domiciliare o presso struttura dedicata, disposto con provvedimento dell’Autorità sanitaria competente, del farmacista iscritto, anche se titolare di pensione, a seguito di positività al covid-19: il contributo è pari a 100,00 euro per ogni giornata di isolamento, fino a un massimo di 3.000,00 euro;
  • Chiusura temporanea della farmacia o della parafarmacia, in conseguenza del contagio da covid-19:
    1. contributo al titolare dell’esercizio, anche se titolare di pensione, pari a 400,00 euro, per ogni giornata di chiusura, per un periodo non superiore a tre giorni continuativi (1.200,00 euro);
    2. nel caso in cui il titolare sia privo di farmacista collaboratore e in conseguenza del contagio da covid-19, sia stato obbligato a chiudere l’esercizio per un periodo superiore a tre giorni continuativi, spetta un contributo pari a 400,00 euro per ogni giornata di chiusura, fino a un massimo di 4.000,00 euro. L’importo non è cumulabile con quello di cui al periodo precedente. In tale ipotesi dovrà essere prodotta la dichiarazione sostitutiva.

È consentito il cumulo di più di un contributo, l’inoltro della domanda dovrà avvenire esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo [email protected]. L’erogazione del contributo da parte della Sezione Assistenza è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del farmacista.

In caso di decesso del farmacista gli eredi possono presentare domanda solo per la liquidazione del contributo connesso a questo evento mentre non hanno diritto a richiedere la copertura per le altre fattispecie (ricovero, isolamento o chiusura dell’esercizio) che abbiano riguardato il farmacista deceduto.

Delibera n. 66 del 22 dicembre 2020
Disciplina attuativa per l’erogazione del contributo una tantum per l’emergenza covid-19

INFORMATIVA AI PARTECIPANTI

Sono state accolte le domande, complete e conformi, degli iscritti in regola con il versamento della contribuzione al momento della presentazione dell’istanza.
Per la liquidazione del periodo di isolamento obbligatorio disposto dall’autorità sanitaria a seguito di accertata positività si precisa che:
•    il periodo di isolamento oggetto di indennizzo è stato individuato a partire dalla data di accertata positività (esito tampone positivo) fino alla data dell’esito del tampone negativo;
•    positivo a lungo termine:
o    il periodo di isolamento oggetto di indennizzo è stato individuato a partire dalla data di accertata positività (esito tampone positivo) fino alla data di fine isolamento certificata dall’autorità sanitaria.
o    Non sono stati indennizzati periodi superiori a 21 giorni (in conformità a quanto stabilito dalla Circolare del Ministero della Salute del 12/10/2020) se l’attestazione amministrativo/sanitaria di termine dell’isolamento non contiene la motivazione specifica del superamento dei 21 giorni;
Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (farmacia) sono state accolte le sole domande corredate dall’autorizzazione/attestazione della chiusura a causa del contagio da covid rilasciata dall’autorità sanitaria/amministrativa competente.
Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (parafarmacia) sono state accolte le sole domande corredate della comunicazione di chiusura temporanea dell’esercizio inviata alla ASL di competenza, (DM 9 marzo 2012, allegato A, punto 3, lettera d).

LIQUIDAZIONE DOMANDE ESAMINATE, PRESENTATE FINO AL 31 MARZO 2021 – DATA VALUTA 4 MARZO 2022

ACCOLTE

RESPINTE

Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del Regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’Enpaf ed inviati esclusivamente tramite pec all’indirizzo di posta certificata [email protected] entro il 30 marzo 2022.

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

Roma, 28 febbraio 2022

 

LIQUIDAZIONE DOMANDE ESAMINATE, PRESENTATE FINO A PARTE DEL MESE DI MARZO 2021 – DATA VALUTA 23 NOVEMBRE 2021

ACCOLTE

RESPINTE

Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del Regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’Enpaf ed inviati esclusivamente tramite pec all’indirizzo di posta certificata [email protected] entro il 16 dicembre 2021.

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

Roma, 16 novembre 2021

 

LIQUIDAZIONE DOMANDE ESAMINATE, PRESENTATE A FEBBRAIO 2021 – DATA VALUTA 17 SETTEMBRE 2021

ACCOLTE

RESPINTE

Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del Regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’Enpaf ed inviati esclusivamente tramite pec all’indirizzo di posta certificata [email protected] entro il 11 ottobre 2021.

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

Roma, 10 settembre 2021

 

LIQUIDAZIONE DOMANDE ESAMINATE, PRESENTATE A GENNAIO/FEBBRAIO 2021 (PARZIALE) – DATA VALUTA 29 LUGLIO 2021

ACCOLTE

RESPINTE

Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del Regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’Enpaf ed inviati esclusivamente tramite pec all’indirizzo di posta certificata [email protected] entro il 25 agosto 2021.

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

Roma, 26 luglio 2021

 

LIQUIDAZIONE DOMANDE ESAMINATE, PRESENTATE DAL 1° AL 26 GENNAIO 2021 – DATA VALUTA 25 GIUGNO 2021

ACCOLTE

RESPINTE

Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del Regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’Enpaf ed inviati esclusivamente tramite pec all’indirizzo di posta certificata [email protected] entro il 21 luglio 2021.
I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

Roma, 21 giugno 2021

Con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 31 marzo 2021 sono state approvate alcune modifiche alle misure di sostegno alla categoria per l’emergenza Covid-19.

Considerato che gli effetti della pandemia si protrarranno prevedibilmente per tutto il 2021 determinando un impatto finanziario significativo sulla Sezione Assistenza, le modifiche si sono rese necessarie per garantire l’attuazione, nel corso del 2021, delle altre iniziative assistenziali previste e ugualmente rilevanti per le finalità istituzionali dell’Ente.

Le modifiche saranno applicate alle domande presentate a decorrere dal 1° aprile 2021.

In particolare, è stato previsto:

  • riduzione dei massimali relativi agli indennizzi previsti in caso di isolamento obbligatorio o di ricovero presso struttura ospedaliera del farmacista colpito da Covid-19;
  • nel caso di chiusura dell’esercizio, l’indennizzo coprirà un massimo di tre giorni di chiusura;
  • irripetibilità del contributo per ciascuna tipologia di intervento;
  • la domanda dovrà essere presentata entro tre mesi dal verificarsi dell’evento (non più entro sei mesi);
  • in ogni caso la domanda non potrà essere presentata decorso un mese (precedentemente sei mesi) dalla cessazione dello stato di emergenza da Covid – 19 su tutto il territorio nazionale.

La domanda deve essere inviata esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo [email protected]. L’erogazione del contributo da parte della Sezione Assistenza è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del farmacista.

In caso di decesso del farmacista gli eredi possono presentare domanda solo per la liquidazione del contributo connesso in relazione a questo evento mentre non hanno diritto a richiedere la copertura per le altre fattispecie (ricovero, isolamento o chiusura dell’esercizio) che abbiano riguardato il farmacista deceduto.

Delibera n. 15 del 31 marzo 2021
Disciplina attuativa per l’erogazione del contributo una tantum per l’emergenza covid-19

LIQUIDAZIONE DOMANDE APRILE/MAGGIO 2021-valuta 8 marzo 2022

INFORMATIVA AI PARTECIPANTI

  • Sono state accolte le domande, complete e conformi, degli iscritti in regola con il versamento della contribuzione dovuta al momento della presentazione dell’istanza.
  • Per la liquidazione del periodo di isolamento obbligatorio disposto dall’autorità sanitaria a seguito di accertata positività si precisa che il periodo di isolamento oggetto di indennizzo è stato individuato a partire dalla data di accertata positività (esito tampone positivo) fino alla data dell’esito del tampone negativo o attestato di fine isolamento rilasciato dalla Asl per i positivi a lungo termine,  nel limite massimo di euro 1.500,00;
  • La liquidazione del periodo di ricovero per Covid-19 è stata accordata nel limite massimo di euro 3.000,00.
  • Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (farmacia) sono state accolte le sole domande corredate dall’autorizzazione/attestazione della chiusura a causa del contagio da covid rilasciata dall’autorità sanitaria/amministrativa competente, per un periodo non superiore a 3 giorni continuativi (1.200,00, euro);
  • Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (parafarmacia) sono state accolte le sole domande corredate della comunicazione di chiusura temporanea dell’esercizio inviata alla ASL di competenza, (DM 9 marzo 2012, allegato A, punto 3, lettera d), per un periodo non superiore a 3 giorni continuativi (1.200,00, euro);
  • Non è consentito integrare documentazione a seguito del rigetto dell’istanza per documentazione incompleta;
  • Sono state accolte le domande, complete e conformi, presentate entro il termine di decadenza fissato a TRE MESI dalla data dell’evento (delibera consiliare n. 15/2021)
  • Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’ENPAF ed inviati esclusivamente tramite PEC entro il 31 marzo 2022.

 

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

 

Roma, 1 marzo 2022

ACCOLTE

RESPINTE

Con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 22 del 27 maggio 2021 sono state approvate alcune modifiche alle misure di sostegno alla categoria per l’emergenza Covid-19.

Le modifiche saranno applicate alle domande presentate a decorrere dal 1° giugno 2021.

In particolare, è stato previsto:

  • riduzione dei massimali relativi agli indennizzi previsti in caso di ricovero presso struttura ospedaliera del farmacista colpito da Covid-19;
  • riconoscimento di un contributo una tantum in caso di isolamento obbligatorio del farmacista colpito da Covid-19;

Si ricorda che la domanda deve essere presentata entro tre mesi dal verificarsi dell’evento e in ogni caso non potrà essere presentata decorso un mese dalla cessazione dello stato di emergenza da Covid – 19 su tutto il territorio nazionale.

La domanda deve essere inviata esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo [email protected]. L’erogazione del contributo da parte della Sezione Assistenza è subordinata alla verifica della regolarità contributiva del farmacista.

In caso di decesso del farmacista gli eredi possono presentare domanda solo per la liquidazione del contributo connesso in relazione a questo evento mentre non hanno diritto a richiedere la copertura per le altre fattispecie (ricovero, isolamento o chiusura dell’esercizio) che abbiano riguardato il farmacista deceduto.

Delibera n. 22 del 27 maggio 2021
Disciplina attuativa per l’erogazione del contributo una tantum per l’emergenza covid-19

Con provvedimento n.30 del 28 febbraio 2022 è stata predisposta la liquidazione del contributo in argomento per gli aventi diritto, con valuta 9 marzo 2022.

INFORMATIVA AI PARTECIPANTI

  • Sono state accolte le domande, complete e conformi, degli iscritti in regola con il versamento della contribuzione dovuta al momento della presentazione dell’istanza.
  • Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (farmacia) sono state accolte le sole domande corredate dall’autorizzazione/attestazione della chiusura a causa del contagio da covid rilasciata dall’autorità sanitaria/amministrativa competente, per un periodo non superiore a 3 giorni continuativi (1.200,00, euro);
  • Per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio (parafarmacia) sono state accolte le sole domande corredate della comunicazione di chiusura temporanea dell’esercizio inviata alla ASL di competenza, (DM 9 marzo 2012, allegato A, punto 3, lettera d), per un periodo non superiore a 3 giorni continuativi (1.200,00, euro);
  • Non è consentito integrare documentazione a seguito del rigetto dell’istanza per documentazione incompleta;
  • Sono state accolte le domande presentate entro il termine di decadenza fissato a TRE MESI dalla data dell’evento (delibera consiliare n. 15/2021)
  • Eventuali ricorsi, connessi ad errori dell’Ufficio ovvero a questioni di interpretazione del regolamento, dovranno essere indirizzati al Comitato Esecutivo dell’ENPAF ed inviati esclusivamente tramite PEC entro il 2 aprile 2022

I ricorsi presentati al Comitato Esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio.

ACCOLTE (liquidate con valuta 9 marzo 2022)

RESPINTE

ACCOLTE (liquidate con valuta 12 aprile 2022)

 

 

Roma, 3 marzo 2022

  • Cerca nella categoria